Condividi con chi vuoi

Scarica mp3 Scarica da iTunes

Per scaricare direttamente il file .mp3 dell'intervista, clicca con il tasto destro del mouse sul bottone "Scarica mp3" e scegli "Salva link con nome" (Chrome), "Salva oggetto con nome" (Firefox) o "Salva file collegato" (Safari)

Siamo Sognatori, non supereroi. 


Il 2018 è stato per me un anno fuori dal tempo.

Un tempo di scelte durissime, di dolori laceranti e di incontri provvidenziali. In questa puntata che potrai leggere o ascoltare, condivido con te quello che ho imparato da questa prova e ti faccio una domanda che mi è servita per dare ordine alle mie priorità.

Buona lettura o buon ascolto.

Angelo

TRASCRIZIONE


Può arrivare un momento nella vita in cui non ci stai dentro. Non ci stai dentro una relazione, non ci stai dentro con i soldi, non ci stai dentro con il lavoro. O nei ritmi che devi sostenere per continuare a stare a galla, per inseguire il tuo sogno, la tua aspirazione, il cambiamento che desideri.

Può arrivare un momento nella vita, in cui non ci stai dentro con il dolore.
Con la paura che tutto crolli, con la sensazione che questa volta non ce la farai a restare in piedi.

Provi a guardarti intorno e tutto sembra maledettamente importante: gli impegni presi, le promesse fatte, le aspettative da non deludere, magari i debiti da saldare, e continui a ripeterti che non puoi mollare proprio adesso anche se senti sulle spalle tutto il peso del mondo.

Un peso che ti schiaccia e rende tutto faticoso. Anche sorridere.

Sembra una frase fatta, invece l’ho scoperta davvero la fatica di sorridere. Fa male, un male fisico, che ti viene da chiederti ma cosa è successo? Quando è stato che ho perduto la felicità?, quella felicità che non mi ero accorto neanche di avere.

Il sorriso si fa amaro, come una medicina necessaria. Sì, perché sorridere in quei casi è una cura dolorosa, ma pur sempre una cura. Per il tuo spirito e per quello di chi ti incontra. È un modo di portare la mente verso un orizzonte di possibilità.  È un’arte curativa tra le più antiche, me l’ha insegnata mia madre.

E il sorriso sta benissimo alle persone che indossano le proprie fragilità senza vergognarsene.

Può arrivare un momento, infatti, in cui l’unico modo per starci dentro, alla vita intendo, è quello di accettare le tue fragilità e di sorriderne. Perché quando tutto sembra importante, qualunque cosa farai, qualunque scelta prenderai, ti sembrerà di tradire qualcosa,  qualcuno, addirittura te stesso.

E così è stato, per me, l’anno 2018.
Un tentativo di non tradire nessuno in cui ho finito di tradire, più volte, me stesso.

Ma in questo anno in cui ho scelto tante volte di isolarmi dal mondo, il mondo non mi ha lasciato solo e mi ha messo accanto tante altre anime nobili. E una di queste, con occhi decisi, mi ha detto queste parole

“Il peccato più grande che tu possa commettere è allontanarti da quello che sei”.

Ed è proprio così, quando ti allontani da te, tutto quello che a cui tieni o che te è importante lo tradisci comunque, lo tradisci se non prendi uno spazio di cura tutto tuo, se pensi a salvare tutto e tutti ma non cerchi un rifugio anche per te.

Così, mi sono guardato un attimo indietro e ho rivisto la mia vita negli ultimi tre anni, gli anni di questo sogno chiamato Sognatori Svegli,  tre anni giusti.

In questo tempo ho raccontato pezzi importanti del mio percorso, momenti di felicità e tratti di strada faticosi, fatti di dolore, sudore e lacrime.

Dagli attacchi di panico che potevano mettermi in ginocchio fino al momento in cui ho scelto di licenziarmi e di lasciare il mio lavoro “sicuro”…Ti ho parlato della mia passione per il canto fino alla vocazione per la formazione, per poi arrivare al sogno di supportare concretamente i sogni degli altri e di tenere acceso in chi mi legge o ascolta, l’entusiasmo per la vita, per la bellezza, per la libertà.

Tempo fa ho scritto in un post queste parole:

“Ti auguro di avere sempre qualcuno che alimenti la fiamma dei tuoi sogni, quando ti allontani dal braciere” .

In questo anno, ho avuto per qualche tempo la tentazione di chiudere Sognatori Svegli, di abbandonare questo grande sogno che per me, ormai, è una vera e propria estensione di me stesso, un pezzo di cuore, il mio modo per cercare di tenere accesa negli altri quella sorta di fiamma ribelle.

Ma fortunatamente ho sempre avuto qualcuno che con un abbraccio, una parola, una mail, un vocale su whatsapp ha tenuto accesa la mia voglia di continuare a scrivere, a pubblicare anche quando le cose si sono fatte per me veramente molto dure.

Per questo voglio ringraziare ognuno di voi.
Perché ho capito che, in fondo, in questo posto chiamato Sognatori Svegli, ci stiamo guardando il fuoco a vicenda.

Perché ho capito che i Sognatori Svegli sono, allo stesso tempo, Esploratori del Sogno e Guardiani del fuoco.
E anche se non lo sapete, con la vostra vicinanza e il vostro affetto, in questi tre anni e soprattutto in questo 2018 che volge al termine, siete stati i guardiani del mio fuoco.

In tutto questo, c’è una domanda che voglio porre a te che stai ascoltando o leggendo queste parole, a te che magari in questo momento non ci stai dentro o a te che non sai bene quale direzione prendere, se e quale scelta fare per proseguire il tuo cammino:

se questo che hai davanti fosse il tuo ultimo anno di vita, quali sarebbero le cose più importanti che vorresti realizzare? Riusciresti a identificare 5 priorità a cui dedicare il tuo tempo e le tue energie?

Perché quando tutto sembra importante e il peso del mondo sembra schiacciarti, forse è il momento di decidere che cosa è davvero importante per te e niente, come la prospettiva di una fine, riesce a fare chiarezza su ciò che conta veramente per noi.

Continua a esplorare il tuo sogno. Continua a guardare il fuoco di chi ti sta intorno affinché non si spenga. Da questa parte, continueremo a guardare il tuo.

Se vuoi farmi sapere la tua risposta scrivimi a angelo.ricci@sognatorisvegli.com


Supporta

Share this Post

(A cura di Angelo Ricci)



Ho stravolto la mia vita e mi sono messo in cammino alla ricerca di altre storie come la mia.

Condivido con te tutto ciò che ho vissuto, affrontato e appreso sperando possa ispirare le tue scelte e illuminare la tua strada.

Scopri un po’ della mia storia in questa pagina.